Marika Bachmann Stoks

Sono nata a Helsinki (Finlandia) nel 1954 e da 28 anni abito a Gudo. Sono madre di due figlie adulte e mi sono risposata nel 2009.

Percorso formativo e carriera 

Dopo aver conseguito la maturità in Finlandia, proseguo gli studi e nel 1977 ottengo il  diploma di traduttrice alla “Dolmetscherschule” di Zurigo. In seguito il mio spirito d’avventura mi porta a Londra per due anni, dove ho la possibilità di lavorare come guida turistica e interprete. Nel 1979 mi trasferisco in Ticino con il mio primo marito, con l’idea di rimanere soltanto un paio d’anni. Il tempo passa, progetti professionali e personali si concretizzano e dopo 39 anni considero il Ticino la mia “casa”.                                   Inizio la mia attività professionale d’insegnante e nel 1982 ottengo il certificato di abilitazione nella scuola media. Dopo quasi trent’anni di esperienza quale docente di tedesco e inglese alla Scuola Media di Minusio, ho la possibilità di avvicinarmi al Counselling. Si tratta di amore a prima vista, e all’età di 55 anni, mentre sono ancora attiva come insegnante, inizio la formazione triennale presso IFCoS (Istituto della Formazione per la Comunicazione Specialistica). Nel 2013 ottengo il diploma come counsellor professionale, inoltre sono membro della SGfB (Società Svizzera di consulenza). 

Nel settembre 2013 ho lasciato il mio posto come insegnante per dedicare il mio tempo e le mie energie a questo nuovo progetto professionale. Ritengo che le mie esperienze di vita, sia professionali che personali, costituiscano una fonte importante dove attingere per poter essere d’aiuto agli altri attraverso il Counselling.

Dall’insegnamento al Counselling

Dalla mia esperienza lavorativa come docente ho potuto trarre molti insegnamenti per la vita. Gli allievi adolescenti, con le loro domande, gli atteggiamenti provocatori e le loro sofferenze, in sintesi con il loro modo di esprimersi con una vitalità estrema, mi hanno aiutato a crescere, obbligandomi a mettermi continuamente in discussione.               

Penso a questa fase della mia vita con tanta tenerezza e gratitudine. Mi è sempre piaciuto insegnare, e quello che più mi attirava era il lato umano della professione, il potersi relazionare con allievi e genitori. Questo mio interesse mi ha spinto ad iniziare la formazione in  counselling, grazie alla quale ho cambiato radicalmente il mio modo di stare nella scuola, anzi oserei dire nel mondo. Questo percorso mi ha reso capace di cercare nuove soluzioni con entusiasmo, rendendomi maggiormente attenta alla relazione con l’altro. Mi ha aiutato ad acquisire maggiore consapevolezza personale e nel mio ruolo di docente. Ho potuto svolgere il mio lavoro nelle classi con più serenità e tranquillità e sentirmi molto più a mio agio con singoli allievi, genitori, colleghi,…, insomma nelle situazioni più disparate in ambito scolastico. Il mio sogno, tra tanti altri, è quello di introdurre il counselling nelle scuole.

Esperienze di vita che mi aiutano nel Counselling

Sono innanzitutto le difficoltà incontrate durante la vita che oggi mi aiutano ad avere compassione per la sofferenza degli altri. Forse è proprio questo lato umano che accomuna noi esseri umani: le nostre sofferenze e la nostra vulnerabilità.                        Ho vissuto la difficoltà di dovermi inserire in una nuova cultura (lingua, costumi, regole tacite, essere accettati, solitudine), e più che altro questo mi ha sensibilizzato per le difficoltà di chi si sente diverso. Non importa se questo sentirsi diverso è legato a fattori culturali o meno. Ci si può sentire estranei  nella propria famiglia, in un gruppo di amici, sul posto di lavoro, oppure come persona diversamente abile.                                        

Ho vissuto in diversi paesi e parlo varie lingue. Conosco i pregi di questo plurilinguismo ma anche i lati meno positivi: un’identità variegata con talvolta dubbi sulla propria identità e appartenenza, proprio come la conoscono tante persone nella società multiculturale di oggi.                                                                                                                                     

Conosco molto da vicino le difficoltà che possono sorgere nella vita di una coppia. Ho pure vissuto la crisi che avviene nel momento di una separazione oppure divorzio. I miei ruoli di mamma e docente mi hanno confrontato a molti problemi degli adolescenti e dei loro genitori. Non da ultimo ho vissuto quanto le competenze di Counselling e l’aiuto di un counsellor possono essere di aiuto nelle relazioni e nella comunicazione fra le parti in una scuola. Altri temi che mi stanno molto a cuore: l’invecchiamento, la presenza di famigliari bisognosi di cure e aiuto, la sofferenza dopo la morte di una persona cara e confusione in generale quando si deve fare una scelta o prendere una decisione. 

Approfondimenti professionali

Nel 2014/15 ho seguito una specializzazione in Counselling transpersonale a Milano che, tra altre cose, mi ha portato a interrogarmi sul senso profondo del proprio essere e agire nel mondo. Questa specializzazione mi ha portato ad approfondire il tema della sessualità e spiritualità. Tramite esperienze personali e ulteriori approfondimenti oggi mi sento pronta ad appoggiare le coppie in crisi. Sono convinta che molte relazioni altrimenti sane soffrono fino a rompersi a causa di una sessualità non nutriente per l'amore. Una tale formazione applicata al Counselling gli conferisce profondità e orientamento e mi aiuta ad acquisire uno sguardo olistico sulle varie dimensioni dell’essere umano: corporeo-energetico, emotiva-affettiva, cognitiva-immaginativa, spirituale – esistenziale.

Inoltre, nel 2015, ho seguito un corso di “mindfulness”, una tecnica meditativa che aiuta a sviluppare una maggiore attenzione e consapevolezza nella vita quotidiana.

Da marzo 2018 sono Life Coach in psicosintesi. In questa veste guido le persone nella loro crescita per diventare sempre più coscienti di chi sono e a (ri)scoprire e manifestare le loro potenziali e competenze che gli permettono di raggiungere i loro obiettivi in linea con i loro talenti.

Vita privata

Durante il mio tempo libero amo imparare sempre cose nuove. Per quattro anni ho frequentato la scuola di teatro, Agorà. Mi piace viaggiare, la natura in Finlandia d’estate, meditare, nuotare nel mare, cucinare, fare cose con altre persone, leggere,… e vorrei ancora fare molte esperienze nuove, ad esempio ballare il tango o diventare nonna. Sono in viaggio.